Sussurro poetico esistenzialista

nutrie morte
spappolate sulla
strada provinciale.

un sole spento rosso
infuocato ci
sorride.

i suoi deboli raggi
non possono disturbarci.
non ricordo l’ora
che fugge
nella foschia vibrano tenui sospesi
raggi d’eternità.

I SIERI DEL CERVELLO

I sieri del cervello. (una poesia che potrebbe prosciugarti)

A post shared by (b)ananartista (@bananartista) on

ho strizzato i neuroni
ma il cervello
non secerne
alcun siero.
dove sei
ora che servi
cerebrale succo?
dove siete dolci effluvi?
nel vuoto ivi creato
nel marasma infinito di questo
ribaltamento
i miei sogni
fertilizzano l’aria.
e non è un giochetto
se nella cavità
il sangue
rimbomba.

GERRY SCOTTI è DIO ED IO IL SUO PROFETA (experimental cinema #01)

Gerry Scotti è la mia divinità e mi ha ordinato di diffondere il verbo con questo video.
Quest’opera monumentale, imprevedibile nel suo arioso snodarsi, è fortemente simbolica sia nella trama allegorica complessiva sia nei singoli atti.
Imbevuto dallo spirito di Gerry, in completa trance divinitoria, ho trasfuso sulla pellicola la potenza della sua parola.
Condividi e divulga questo film poichè tutto il popolo deve sapere che una luce di speranza si è accesa in questo mondo buio e che per ciascuno di noi la salvezza è da oggi possibile.
Grazie di cuore.

music for PLASTIC PIG, RUBBER CHICKEN, FLUTE AND VOICE

A grande richiesta, dopo l’immenso successo della rapsodia per pollo di plastica in si bemolle maggiore, eccovi la mia nuova rivoluzionaria creazione musicale.
In questa composizione per porco di plastica, pollo, flauto e voce ho volutamente omesso ogni sovrapposizione armonica o ritmica per concentrarmi unicamente sulla dirompente energia del tema melodico che nel corso dello svolgimento si evolve attraverso un audace susseguirsi di variazioni fino al climax finale.
Inoltre la preminenza del costruttivismo musicale mi ha permesso di concentrarmi sulle peculiarità timbriche degli strumenti esaltando il nitore geometrico dell’intreccio.
Fustigando con ironia il sentimentalismo piccolo-borghese con questa geniale opera credo di essermi spinto ben oltre lo sterile e ormai obsoleto post-avanguardismo combinatorio di matrice atonale per assolvere il compito di schiudere orizzonti prima impensati.